Condividi

Arance Siciliane, dalla moda all’energia – la buccia e le sementi degli agrumi più famosi della Sicilia, l’umile arancia, vengono utilizzate in una serie di iniziative commerciali più ecologiche e più sane.

Nel 2011, Adriana Santonocito è stata studentessa di design a Milano quando ha avuto l’idea di realizzare tessuti sostenibili da ciò che era naturalmente abbondante e ampiamente sprecato nella sua città natale siciliana di Catania.

La sua sfida era quella di trovare un modo per le bucce di centinaia di migliaia di tonnellate di arance da utilizzare.

Ora, grazie al suo pensiero creativo, è possibile realizzare interi capi di abbigliamento utilizzando la fibra originaria del frutto.

Immagine d’autore Orietta Scardino

Processo chimico

Il concetto di Santonocito è stato ispirato da una domanda posta nella sua dissertazione universitaria. Un lussuoso foulard di seta potrebbe essere prodotto con sottoprodotti di agrumi, che altrimenti verrebbero buttati via o nutriti con il bestiame?

La questione era particolarmente rilevante in Sicilia, dove ogni anno migliaia di tonnellate di agrumi vengono spremute, lasciando enormi quantità di rifiuti.

La trentanovenne ha trovato la sua risposta nei laboratori dell’università e le è valso un brevetto.

Era già noto che la cellulosa poteva essere estratta dalle scorze d’arancia. Ma la signora Santonocito ha scoperto che, usando reagenti chimici, poteva essere trasformato in filo, che poteva essere tinto e miscelato con altri tessuti, come cotone o poliestere.

Insieme alla sua collega universitaria Enrica Arena, ha fondato Orange Fiber nel 2014, e ha iniziato a vendere il materiale simile alla seta agli addetti ai lavori.

Quest’anno il famoso marchio di moda italiano Salvatore Ferragamo lo ha utilizzato nella sua collezione primavera-estate. L’obiettivo era rendere più sostenibili le camicie, i vestiti e i foulard di fascia alta.

Orange Fiber, che ora ha una squadra di 12 persone, opera da un impianto di lavorazione del succo locale, dove ottiene gratuitamente il materiale di scarto.

L’attività è parzialmente stagionale e opera durante i mesi dell’anno in cui lavora il produttore di succhi di frutta. Ma una volta che la buccia d’arancia è stata trasformata in cellulosa, può essere messa in deposito per l’uso più tardi.

Antonio Perdichizzi, uno dei primi investitori di Orange Fiber, afferma che l’azienda si è distinta per lui perché, a differenza della maggior parte delle start-up innovative in Italia, non è digitale.

“L’Italia non investe molto nell’innovazione, ma idee brillanti e abilità vincono nonostante la mancanza di risorse”, aggiunge.

Rosario Faraci, professore di economia, economia e management all’Università di Catania, afferma che l’azienda è un esempio di come “creatività e spirito imprenditoriale” sta creando nuovi posti di lavoro e imprese nella regione.

Fibra – non grasso

Le arance potrebbero anche rendere più sani i prodotti da forno e rimanere più freschi, grazie a una nuova procedura che li trasforma in una farina innovativa senza grassi.

La nuova tecnica è attualmente in fase di sperimentazione presso l’Università di Catania ei risultati sono incoraggianti.

Al momento, quasi tutti i fornai usano grasso, come burro o margarina nella loro cottura.

Ma secondo la ricerca, metà di questo grasso potrebbe essere sostituito usando farina ottenuta da scorze d’arancia, semi e parte della polpa non utilizzata nella produzione di succo.

Come la fibra arancione, i ricercatori ottengono le materie prime di cui hanno bisogno da produttori locali di succhi di frutta. Lavano le scorze per rimuovere il sapore amaro, quindi asciugano, elaborano e sbiancano ciò che rimane.

Salvatore Barbagallo, professore di agricoltura all’Università di Catania, afferma che la farina è “perfettamente sostenibile” e costa quasi nulla da produrre. Inoltre ha “nessun impatto” sul gusto e sulla fragranza del cibo che lo contiene.

I suoi ricercatori hanno confezionato 300 kg di farina e portato i panettieri locali ad Acireale, vicino a Catania, per provarlo.

I cuochi, noti per essere conservatori riguardo ai nuovi ingredienti, erano tutti contenti dei risultati e non potevano notare alcuna differenza nei loro pasticcini.

I ricercatori dicono di aver trovato altri usi anche per la farina.

È solubile e può essere aggiunto alle bevande per fornire benefici per la salute. Potrebbe anche essere usato dai nutrizionisti e in medicina.

Combustibile naturale

Gli agricoltori siciliani hanno sempre usato le scorze d’arancia come mangime per animali o fertilizzanti. Ma anche le arance possono essere una preziosa fonte di energia.

A Mussomeli, un’antica città nei pressi di Caltanissetta, nel centro della Sicilia, vengono utilizzati prodotti di scarto arancioni per produrre biogas trasformato in energia elettrica.

L’azienda agricola Nuova Scala ha utilizzato circa 16.430 tonnellate di scorze l’anno scorso per produrre 24.000 kWh di elettricità.

La produzione varia a seconda della quantità di arance prodotte e l’azienda prevede di ottenere 22.000 tonnellate di rifiuti arancioni nel 2017.

Naturalmente, tutti questi progetti dipendono dalle aziende locali produttrici di frutta, che producono annualmente molte migliaia di tonnellate di sottoprodotti di agrumi.

Salvatore Imbesi, proprietario del produttore AgrumiGel, afferma che le bucce, i semi e le altre parti non commestibili del frutto sono chiamate “pastazzo” e ne produce circa 40.000 tonnellate all’anno.

Dice che la Sicilia nel suo complesso produce circa 200.000 tonnellate, anche se stime non ufficiali suggeriscono che la cifra reale potrebbe essere più alta.

I produttori hanno un incentivo a riutilizzare il pastazzo, perché lo smaltimento può essere costoso. Imbesi afferma che in Sicilia il costo totale dello smaltimento può raggiungere i 16 milioni di euro ogni anno, “sei per il costo del trasporto e 10 per lo smaltimento stesso”.

Alcuni frutti della Sicilia sono venduti freschi, tra cui le famose arance rosse, con il resto trasformato in succhi.

Nel 2016, l’ammontare di juiced comprendeva circa 140.000 tonnellate di limoni, 100.000 tonnellate di arance bionde, 100.000 tonnellate di arance rosse, 20.000 tonnellate di mandarini verdi e 20.000 tonnellate di mandarini stagionati.

Infine, grazie al nuovo raccolto di soluzioni innovative, i frutti spremuti vengono trasformati da rifiuti costosi in prodotti interessanti.

Articolo originale dalla BBC,
Immagine d’autore
Orietta Scardino

Condividi